meciani
 

MARCELLA MECIANI

Mi sono avvicinata allo yoga nel 2005 spinta da curiosità e dal desiderio di muovere il corpo. Ho praticato hatha yoga per qualche anno finché non ho scoperto il vinyasa. E’ stato un colpo di fulmine, ho capito che c’è uno yoga per ognuno di noi e quanto sia rivoluzionario trovare quello che fa per noi in quel momento.

Devo profonda gratitudine a Anna Inferrera e Paola Mattei che mi hanno introdotto e accompagnato sulla strada del prana Flow e del vinyasa, rivelandomi i benefici di una pratica dinamica e fluida. Negli anni ho frequentato workshop e seminari di maestri come Sharon Gannon, Leslie Kaminoff, Shiva Rea, Piero Vivarelli, Gianmarco Coventry.

Ho trovato il mio maestro in Marco Migliavacca, che ringrazio per avermi guidato verso una maggiore consapevolezza degli aspetti fisici e più sottili della pratica. E’ grazie a lui e a Giovanna de Paulis che ho intrapreso un percorso verso lo yoga come una disciplina aperta, a-dogmatica, in cui c’è posto per tutti. Amo condividere quello che ho appreso finora con una pratica che rafforza il corpo e che attraverso la connessione con il respiro cerca di creare spazio nel corpo e nella mente.

Ho frequentato il corso di formazione insegnanti - Officina Yoga 2015/2016 - con Marco Migliavacca e Giovanna de Paulis.
“La pratica non consiste nel cercare di gettare via noi stessi per sostituirci con qualcosa di meglio. Vuol dire invece fare amicizia con la persona che già si è.” - Pema Chödrön.